basilisco-ritaglio-di-giornale - Copia

Editore: Plutonia Publications

Collana: 2MM Reloaded

Data di pubblicazione: Marzo 2016 – Giugno 2016

Totale volumi: 3

Formato: solo ebook

 

 


Chi l’ha detto che i supereroi operino soltanto nel Nuovo Mondo? Volete paragonare un combattimento su un anonimo grattacielo di New York rispetto a uno sul suggestivo duomo di Milano?

L’Italia, in quanto a bellezze paesaggistiche, rappresenterebbe uno dei teatri di scontri più suggestivi in circolazione. Non dimentichiamoci poi del fattore malavitoso, che non ha nulla da “invidiare” a quello americano. In sostanza, il Bel Paese ha tutte le carte in regola per ospitare degnamente i vigilanti in costume. L’iniziativa 2MM (Due Minuti a Mezzanotte) ha pensato bene di colmare questa lacuna. Alessandro Girola ha ideato nel 2012 questo progetto di scrittura collettiva di genere supereroistico che ha portato alla definizione di un universo ucronico sempre più dettagliato, arricchito nel tempo da varianti collaterali come la distopia 2MM Darkest, e vari spin-off.

superhero 1Questi supereroi, noti anche come metaumani, hanno sviluppato i loro poteri dopo esser stati colpiti dalla Teleforce (forza a distanza), una forma di energia poco nota e su cui ruota da decenni un losco giro d’affari. Non si è ancora capito bene il processo di trasformazione di un individuo esposto alla Teleforce, né la logica di distribuzione delle varie tipologie di poteri. Fatto sta che si è cercato di fare un minimo di ordine classificando i metaumani secondo una scala, suddivisa in classi, che ne identifichi il livello di abilità.

Recentemente il progetto è approdato a una fase di reboot, chiamata 2MM Reloaded. In sostanza sono state azzerate tutte le vicende narrate nella Round Robin collettiva, gettando così le basi per una nuova evoluzione di questo universo narrativo. Un’ottima occasione quindi per iniziare a conoscerlo.

La trilogia del Basilisco di cui vi voglio parlare inaugura l’ambientazione di 2MM Reloaded. I titoli che la compongono sono:

  1. Grosso guaio in Paolo Sarpi: Il primo supereroe italiano.
  2. Vesti la giubba: C’è un nuovo supercriminale in città.
  3. Noi siamo la gente: Brucia ragazzo, brucia!

Grosso guaio in Paolo SarpiCiascuno dei tre ebook, pubblicati nel 2016 a breve distanza di mesi, contiene una dettagliata introduzione a 2MM Reloaded che spazia dal quadro geopolitico mondiale alle svariate tipologie di metaumani. Già da questa analisi introduttiva potrete appurare quanta cura è stata posta nel rendere il più efficiente possibile questo universo ucronico, che va a innestarsi efficacemente sugli eventi storici di politica internazionale realmente accaduti.

L’autore, Alessandro Girola, è uno scrittore indie. Ciò non implica affatto che il prodotto finale sia meno professionale di chi pubblica tramite una casa editrice. Facendo un salto sul suo sito web avrete modo di constatarlo. D’altronde gran parte dei lettori di genere già lo conosce, e le loro recensioni sui suoi lavori convalidano quanto ho appena detto.

Basilisco è il nome da vigilante di Enea, il protagonista della trilogia ambientata a Milano. Di giorno lavora come meccanico per sbarcare il lunario. Di notte indossa il costume, un assemblaggio di equipaggiamenti militari corredato da una maschera su cui tiene allacciati degli occhiali a rete metallica. La fascia elastica degli occhiali, “dipinta con un pattern di fiamme verdi”, crea l’effetto “occhi da basilisco”, da cui il nome da vigilante. I superpoteri gli garantiscono forza e resistenza sovrumane.

In Grosso guaio in Paolo Sarpi il Basilisco si preoccupa di fare abbassare la cresta ai teppisti di strada. Non ha ancora le risorse per vedersela con i pesci grossi, quelli che stanno a capo della malavita in combutta con le alte sfere.

Vesti la giubbaL’occasione per fare un salto di qualità gli si presenta quando l’amica Natalie, una street reporter, gli propone di mettersi sulle tracce del Parka, un criminale metaumano col potere di teletrasportarsi nel buio, portando con sé oggetti o persone.

Il supercriminale è il capobanda dei latinos, che nell’estendere i propri affari stanno pestando i piedi alle triadi cinesi. Potendo seguire il caso da vicino, Natalie acquisirebbe materiale per uno scoop che la renderebbe finalmente una giornalista affermata. Dal canto suo il Basilisco otterrebbe la fama di primo, vero supereroe di Milano.

Col Basilisco collabora anche il capitano di polizia Antonio Nardò, tempo fa salvato dal vigilante di cui peraltro conosce la vera identità.

Il primo volume della trilogia percorre, come da tradizione supereroistica, la fase di crescita del personaggio. I poteri Enea li possiede già, ma deve costruirsi ancora una fama all’altezza del ruolo che riveste. Solo sconfiggendo il Parka potrà guadagnarsela.

In Vesti la giubba, secondo capitolo della trilogia, Enea deve vedersela con un villain più astuto e pericoloso. Si tratta dell’istrionico Pagliacci, la cui particolarità risiede in una struttura molecolare elastica, gommosa. Ne conseguono l’immunità ai proiettili e alle armi bianche. Inoltre può allungare le estremità del corpo, un po’ come Mr Fantastic dei Fantastici 4. In Vesti la giubba il Basilisco ha raggiunto un successo da star, ma inizierà a scoprire come la notorietà possa diventare un’arma a doppio taglio.

Noi siamo la genteConclude la trilogia Noi siamo la gente, che si distingue dai precedenti titoli per una maggiore lunghezza, tale da renderlo un vero e proprio romanzo. Oltre a un trio di nuovi supercriminali che si fanno chiamare i Nuovi Briganti, il Basilisco deve vedersela con un individuo bieco, tale Casaleschi, i cui intenti sembrano celare qualcosa di molto più minaccioso delle apparenze, pronto a scatenarsi da un momento all’altro. Questa sarà la prova più ardua a cui il Basilisco dovrà sottoporsi, nonché il capitolo migliore della trilogia.

Di quest’ultima si nota come al progredire della fama del Basilisco accrescano di pari passo la pericolosità del villain di turno e la complessità della trama. In Grosso guaio in Paolo Sarpi il Parka risulta accattivante nella forma, ma poco definito nella sostanza. Oltre la particolarità dei superpoteri c’è ben poco da segnalare sul suo conto.

Discorso a parte per Enea, il Basilisco. Essendo il protagonista impareremo a conoscere tutte le sfaccettature del suo carattere, facendosi apprezzare sin dalle prime pagine.

Avrei preferito una maggiore varietà dei combattimenti tra metaumani, tale da mettere in risalto le varie peculiarità di ognuno, le quali hanno tutti i presupposti per regalare battaglie altamente coreografiche. Un po’ come avveniva per gli Allomanti in Mistborn. Ebbene, ad eccezione di Noi siamo la gente, secondo me questa potenzialità è stata poco sfruttata. Ad ogni modo ciò non svilisce affatto l’effetto scenico che ciascun metaumano apporta alla storia, in quanto restano comunque dei personaggi molto ben congegnati e implementati.

il-basiliscoPer quanto mi riguarda l’ambientazione costituisce il miglior pregio della trilogia. Girola ricostruisce ottimamente il clima politico italiano – ricorrendo anche ai reportage giornalistici –, riadattandolo in modo plausibile all’impatto che ha avuto su di esso l’avvento dei metaumani. Gli intrallazzi tra la malavita e le istituzioni, la nascita di associazioni e movimenti popolari, anche sui social network, si riallacciano alle vicende reali che sono sorte negli ultimi anni. Il tutto alleggerito qua e là da azzeccati rimandi alla cultura pop che inspessiscono l’ambientazione e ne avvalorano la credibilità.

Concludendo, il lavoro di Girola nel mettere in piedi l’universo di 2MM è stato encomiabile. Traslare tutto il clima supererpostico d’Oltreoceano in una realtà come l’Italia, che per questioni culturali non vi si è mai rispecchiata, è stata una mossa rischiosa ma riuscita. La qualità di un lavoro così ben fatto ha riscosso il meritato successo, e la trilogia del Basilisco non fa eccezione.


20